Cerca nel blog:

In difesa dei consumatori, non fatevi prendere in giro!


Ormai non c’è più canale televisivo o pagine pubblicitarie all’interno di una qualsiasi rivista che non ci propinano ritrovati miracolosi per ottenere un fisico scultoreo ed in forma in pochissimo tempo. Peccato però che sia tutto falso!

In effetti vi è una vera e propria presa per i fondelli a danno di tutti gli acquirenti che purtroppo non sono tutelati da nessuna legge. La lista è davvero lunga volendo elencare i “prodotti” che vengono venduti con lo scopo di fare dei miracoli ma che invece sfidano le leggi basilari della fisiologia umana.

L’editoriale in questione vuole proprio farvi aprire gli occhi.
Partiamo dalla famigerata tuta dimagrante, ultimamente soppiantata dal più “tecnologico” pantaloncino dimagrante che promette di farvi perdere grasso proprio dove volete voi…Che assurdità!


Con lo stesso principio fraudolento viene venduta la mitica sauna portatile dimagrante. Qui hanno davvero superati se stessi... creando un aggeggio che fa sudare e secondo loro dimagrire, nella zona che vogliamo, semplicemente indossandola dove desideriamo i miglioramenti estetici. Sich!!!

Dopo i miracoli del sudore passiamo a quelli dei risultati strabilianti con solo 3 - 5 minuti al giorno di movimento. E' il caso di due macchine "davvero eccezionali": la panca che assiste l'allenamento degli addominali e quella invece che aiuta a fare centinaia di flessioni sulle braccia con la pretesa di allenare tutto il corpo.

Sono sicuro che le avete viste nelle televendite, ora vi voglio fare solo una domanda: Ma se fosse vero che "allenandosi" 3 - 5 minuti al giorno con queste macchine, che permettono di fare centinaia di ripetizioni perchè sfruttano delle leve vantaggiose per sollevare il peso del proprio corpo, basterebbe ad ottenere i fisici dei modelli che vediamo nella pubblicità, non credete che le migliaia di palestre, altrettanto istruttori e personal trainer, la stessa medicina dello sport non avrebbero ragione più di esistere??!

Vi dico solo che gli stessi modelli che vedete nelle televendite, una volta finito di registrare lo spot pubblicitario prendono la borsa e vanno in palestra a fare un allenamento serio (aerobico ed anaerobico) che giustifica i loro corpi scolpiti e sodi!!

Credo, invece, che un po’ di fisiologia sul metabolismo degli adipociti (le cellule dove viene conservato il grasso) sia necessaria affinché possiate capire perché questi ciarlatani vi imbrogliano.

Quando in palestra mi viene chiesto un esercizio per smaltire il grasso in una determinata zona del corpo, tanto per capirci l’addome per l’uomo e la zona gluteo-femorale per le donne, mi viene sempre da sorridere prima di dare la risposta.

Il sorriso nasce dal fatto che è davvero duro a morire il mito del dimagrimento localizzato muovendo la zona interessata!!

Migliaia di addominali per smaltire la pancia, oppure centinaia di torsioni del busto (che sono anche pericolose per la schiena) per smaltire i fianchi, ancora centinaia di adduzioni e/o abduzioni della coscia per renderle più magre...continuo?

No, credo che avete capito! È tutta fatica sprecata, o meglio non vi serve se lo scopo è perdere il grasso localizzato. Ogni volta che ci muoviamo noi non possiamo far altro che mettere in moto i muscoli interessati in quel movimento, e questo già dovrebbe farvi capire che i cuscinetti di grasso non entrano in gioco per niente.

Sostanzialmente noi possiamo agire direttamente e solamente sulla muscolatura, tonoficandola e/o ipertrofizzandola a seconda degli allenamenti, tutto qui! Il resto è leggenda.

Il dimagrimento, purtroppo, segue altre vie. Creando una necessità di energia per compiere un lavoro muscolare e terminato il glucosio che circola nel sangue, si innesca il meccanisco della lipolisi. Ovvero gli adipociti rilasciano nel torrente ematico gli acidi grassi che, sempre attraverso il sangue, raggiungono le cellule muscolari per esser poi "bruciati".


Quindi capirete che la migliore combinazione per avere reali risulati è:

1. Giusto apporto calorico o leggermente inferiore per creare un deficit e far si che il corpo vada ad intaccare le sue riserve di grasso.

2. Una buona quantità di lavoro aerobico per bruciare un bel po' di calorie e quindi far aumentare le spese energetiche.

3. Una buona quantità di lavoro con i pesi per sostenere il tono muscolare, quindi non essere flaccidi anche se si dimagrisce, e per aumentare la spesa energetica a riposo. I muscoli costano molto al corpo in termini calorici. Maggior tono = Maggior dispendio

Spegnete la televisione e venite in palestra!

Acquista il mio ebook
Trasforma il tuo corpo in 3 mesi.
La guida definitiva per dimagrire ed essere tonici.

In questo libro sono concentrati i miei 10 anni di esperienza nel campo del personal training. Questa guida ti insegna passo passo come attuare le migliori strategie alimentari e di esercizio fisico.

3 commenti:

  1. Claudia Ricciardi8 ottobre 2008 10:08

    Ciao Marco,
    ho letto il tuo articolo "in difesa dei consumatori" .
    A tale proposito ti volevo chiedere : io ho comprato una pedana vibrante della dunlop (non una di quelle che costano due soldi nelle televendite) ed e' una semni-professionale. Anche questa a tuo giudizio non aiuta a restare in forma ??? Se cosi' non fosse , come posso sfruttarla visto che l'ho pagata non poco ?
    Grazie mille e a presto

    RispondiElimina
  2. Ciao Claudia e ben tornata sul mio blog. Rispondo subito alla tua domanda. Le pedane vibranti, purtroppo, hanno fatto il boom a causa di televendite senza scrupoli. L'uso della pedana ha senso se, e solo se, viene integrata all'allenamento tradizionale. Sarebbe davvero troppo bello mettersi lì "ferma" 10 minuti al giorno ed ottenere i risultati desiderati...ma non è così!! Ti posso consigliare, visto che non hai speso poco, di fare una o due sedute settimanali per i principali gruppi muscolari...ovviamente devi allenarti seriamente...corsa e pesi fatti bene. Una provocazione la faccio io a te...perchè spendere tanti "dindini" per un attrezzo che poi alla fine prenderà polvere e non investire seriamente in un allenatore personale?

    RispondiElimina
  3. Claudia Ricciardi8 ottobre 2008 12:14

    ciao marco,
    grazie per la tua risposta ..e per la tua "provocazione a cui intendo rispondere subito.
    Quando mi sono rivolta ad un personal trainer ero gia' in possesso della pedana vibrante....ed anche lui come ti mi ha detto piu' o meno le stesse cose riguardo alla pedana (la mia era solo una conferma sulla preparazione del mio PT )
    Grazie e alla prox volta

    RispondiElimina

Il blog è un luogo dove poter scambiare idee e concetti ed in linea di massima pubblico tutti i commenti, anche quelli che criticano apertamente quello che scrivo. Questo per poter poi ulteriormente approfondire le tematiche trattate. Solo su una cosa non transigo, l'educazione! Non saranno pubblicati di conseguenza tutti quei commenti che screditano per il solo gusto di farlo e che possano offendere l'operato degli autori e/o di chi commenta. Non pubblicherò neanche i commenti dove si pubblicizza un prodotto o un attività, anche se abilmente celati. Grazie

Related Posts with Thumbnails